Blog posts

Allenarsi nella natura : i nostri consigli

Allenarsi nella natura : i nostri consigli

Magazine

Come molti di voi già sapranno, Veronica ed io amiamo molto lo sport, sia in palestra che outdoor . In particolare allenarsi nella natura a contatto con alberi e piante per me è davvero una passione. Da questo punto di vista il mese di Agosto ci è sempre andato un po’ stretto , perché è un periodo nel quale fa molto caldo, ci si allena poco all’aperto e spesso si mangia più del dovuto. E’ quindi con grande gioia che abbiamo ricominciato ad allenarci in vista dei Run Days di Decathlon, le cinque chilometri che si tengono un po’ in tutta Italia in questo periodo. In particolare noi correremo la nostra Run Day a Roma, il prossimo primo Ottobre. Giorno – tra l’altro – del mio compleanno.

A questo proposito, se volete allenarvi e partecipare anche voi, vi segnalo questa utilissima App per avere un trainer online sempre a disposizione !

Per i nostri allenamenti settimanali , che faremo in collegamento con altri blogger ed influencer italiani ed in collaborazione con il personal trainer Roberto Nava abbiamo pensato sarebbe stato bello allenarsi nella natura, scegliendo ogni volta alcune tra le più belle mete naturalistiche italiane.

E così abbiamo scelto la splendida cornice del lago di Braies e del bosco circostante , un vero e proprio tempio della natura nel cuore del Trentino Alto Adige, dove poter respirare a pieni polmoni e sentirsi un tutt’uno con l’ambiente. E così – di buon mattino, quando i turisti ancora sonnecchiavano – è iniziato il nostro primo allenamento in questo luogo che tanto amiamo. Io adoro allenarmi a stretto contatto con la natura ; in tutti questi anni mi sono accorto però di alcuni accorgimenti utili per evitare problemi a noi stessi o – peggio ancora – all’ambiente naturale nel quale decidiamo di allenarci. Ho raccolto alcuni consigli utili ed ho deciso di pubblicarli qui.

 

Consigli per un allenarsi nella natura :

1. Attenzione al terreno irregolare

Il fondo non asfaltato può riservare spesso delle insidie, tenete sempre un occhio su dove state per mettere i piedi. La presenza di ‘orme’ precedenti è sempre un buon segno da seguire, ma non esclude i rischi. Meglio tenere un’andatura leggermente più lenta ma che ci garantisca una capacità di reazione più rapida. E soprattutto cercate di evitare sempre terreni non battuti, soprattutto se volete correre.

2. Non calpestate la natura viva

Noi siamo parte dell’ecosistema, non lo possediamo. Se avete deciso ti trovare un posto per allenarsi nella natura, cercate sempre di correre su sentieri battuti, luoghi dove non dare fastidio alla fauna e – soprattutto – alla flora. La terra, il lungomare o il lungolago sono solitamente dei punti dove ci si può allenare in modo tranquillo senza correre il rischio di danneggiare l’ambiente

3. Non contaminate l’ambiente

Sappiamo che non gettereste mai una cartaccia nella natura questo lo diamo per scontato. Ma ci sono altre fonti di inquinamento alle quali è opportuno badare sempre e che spesso si ignorano. Quando vi mettete la crema solare, ad esempio, abbiate cura di aver scelto un prodotto non tossico per l’ambiente. E – soprattutto – fatelo con precisione. Da questo punto di vista una crema che si spalma è sempre meglio di uno spray che si nebulizza nell’ambiente. Può sembrare strano, ma le creme solari sono talmente ‘nocive’ per le piante che ecosistemi protetti, come ad esempio la Riserva Naturale di Vendicari, che abbiamo visitato assieme questa estate, le hanno del tutto bandite (i solari si possono mettere solo prima di arrivare).  

Un altro aspetto al quale stare attenti è la musica. Potete portarvi gli auricolari, se proprio preferite la ultima hit del momento ai suoi della natura. Da evitare assolutamente le casse portatili ; vicino a voi – anche se non li vedete – ci sono sicuramente molti esseri viventi dall’udito estremamente sensibile e che non sono assolutamente interessati alla nostra musica pop…!

4. Respirate, respirate, respirate

L’ossigenazione è importante nello sport. Se avete anche la fortuna di allenarvi in un luogo immerso nella natura, il vostro allenamento sarà una ottima occasione per ripulire i vostri polmoni ed il vostro fisico dallo smog e dallo stress cittadino. Cercate di trovare la vostra sintonia con l’ambiente circostante. Vedrete che a fine allenamento non riuscirete facilmente ad andarvene. Respiri profondi, si, ma mai troppo veloci ; rischiereste di andare in iper-ossigenazione..!

allenarsi nella natura

5. La giusta alimentazione

Prima di cominciare il vostro allenamento sinceratevi di aver mangiato in modo giusto – senza appesantirvi – ed essere belli carichi. Tenete presente che un bosco ha dei dislivelli che ovviamente una strada di città neanche si sogna. Il terreno può raggiungere delle pendenze improvvise delle quali potreste persino non accorgervi. Conseguentemente in un bosco si bruciano sempre più calorie e ci si stanca di più. Abbiate sempre quindi una scorta di zuccheri e – soprattutto – di acqua. Personalmente mi porto sempre una bottiglia da 500 ml, non troppo pesante ma in grado di dissetarmi almeno un paio di volte. E se finisco l’acqua, smetto immediatamente di allenarmi e torno sui miei passi.

6. Sicurezza

Sicuramente non vi accadrà nulla, ma le precauzioni non sono mai troppe, quindi vediamo gli accorgimenti per garantirvi la massima sicurezza. Per allenarsi nella natura, in un bosco o comunque in un ambiente naturale lontano dai centri abitati, cercate di farlo sempre in compagnia e mai da soli. In ogni caso, cercate di far sapere sempre a qualcuno gli orari del vostro allenamento e quando è previsto il vostro rientro. In modo che – se qualcosa andrà storto – ci sarà subito qualcuno pronto a venirvi a cercare. Ricordatevi : non è detto che il vostro telefono abbia segnale. Altra cosa importante è scegliere percorsi già battuti e sicuri. Nella natura vivono gli animali, questo non dimenticatevelo mai. Studiate sempre la vostra destinazione, informatevi dalle persone della zona e non andate mai all’avventura.  Informatevi sempre sulla possibile presenza di serpenti e – se così fosse – cercate un’altra destinazione o evitate le ore più calde della giornata, indossando comunque sempre scarpe da ginnastica robuste e calzini spessi. Ricordate che un animale attacca solo se si sente minacciato quindi siate sempre presenti, guardate dove mettete i piedi e verso dove state andando.

 

About the author

1 Comment

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *