Blog posts

Cosa vedere in Sicilia in 7 giorni

Cosa vedere in Sicilia in 7 giorni

Itinerari, Magazine, Sicilia

Sicilia in 7 giorni, il tour :

Se anche voi fate parte di quella categoria di persone che non riesce a stare ferme in un solo posto e vuole esplorare il più possibile durante il viaggio, questo articolo fa per voi. Oggi vi racconteremo tutto quello che potrete vedere in un tour della Sicilia in 7 giorni, spostandoci in automobile. Un tour studiato per vedere molte cose, cercando però di godersi anche i luoghi senza troppa fretta.

Le nostre scelte per la Sicilia in 7 giorni :

La Sicilia è una regione molto grande, quindi per un tour di sette giorni che comunque vi permetta di vedere molte cose senza diventare stressante, vi suggeriamo di fare delle scelte. Nel nostro caso abbiamo optato per un itinerario dal versante Ovest a quello Est, passando per la costa meridionale, escludendo quindi la costa nord e le Isole, che sarà possibile visitare in un’altra occasione. La Sicilia è una regione con un clima splendido tutto l’anno. Potendo scegliere – però – vi consigliamo di viaggiare da Aprile fino a Fine Giugno o da Settembre a fino a fine Ottobre. Questi mesi sono davvero i migliori.

Sicilia in 7 giorni
Partenza da Trapani (lato Ovest), arrivo a Taormina (lato est)

Come arrivare e come muoversi :

Nel nostro tour abbiamo deciso di arrivare in aereo, atterrando sulla costa occidentale a Trapani. . Dopodichè abbiamo preso una macchina a noleggio ed abbiamo attraversato la Sicilia a tappe, fino ad arrivare alla costa orientale, scegliendo di lasciare la vettura e ripartire dall’Aereoporto di Catania. Questo ci ha permesso di godere della bellezza delle spiagge e dei paesi che si incontrano lungo il cammino e che spesso sono preclusi a chi – ad esempio – pianifica di spostarsi solo in aereo. Abbiamo deciso poi di spostarci da una meta all’altra sempre di sera o la mattina presto, per poter godere appieno delle giornate in spiaggia.

Mezzi utilizzati : Aereo + Auto.

Partenza da : Aereoporto di Trapani

Arrivo a : Aereoporto di Taormina o Catania

Chilometri totali percorsi : 580

Indice dei giorni e delle tappe

 

Giorno 1 – Trapani

Giorno 2 – Realmonte e la Scala dei Turchi

Giorno 3 – La Valle dei Templi

Giorno 4 – Marzamemi

Giorno 5 – Portopalo di Capopassero

Giorno 6 – Ortigia

Giorno 7 – Taormina e partenza

Giorno 1 : Trapani

L’arrivo nella Costa Ovest della Sicilia, a Giugno, è stato un’esperienza particolare. L’ambiente  in questo versante dell’isola appare alla vista particolarmente arido. Le note del giallo e della terra si affiancano al blu intenso dell’acqua, in un connubio che colpisce molto. Il motivo è semplice : non c’è niente del genere nell’Italia Continentale. Dall’aereoporto di Trapani a Trapani città sono circa venti minuti di auto.

Sicilia in 7 giorni
Un mare splendido, selvaggio e poco frequentato.

Il Mercato del Pesce

Una volta arrivati, vi consigliamo di spingervi subito verso la punta più esterna, dalle parti del Mercato del Pesce, per poter godere di una vista mozzafiato e di un ambiente misteriosamente solitario anche in piena estate. Lasciate la macchina su Via Carolina e godetevi il rumore dei gabbiani, le antiche case dei pescatori ed il mare splendido. I più arditi potranno anche fare un tuffo in acqua (dico arditi perchè non ci sono ovviamente nè stabilimenti, nè docce).

Le vie del centro

Nelle ore meno calde, concedetevi poi una passeggiata per le vie pedonali del centro storico. Via della Libertà e Via Garibaldi sono un posto ottimo per una passeggiata e per mangiare qualcosa di tipico, come ad esempio un’arancina (ricordatevi : nel versante occidentale della sicilia le arancine sono femmine, in quello orientale diventano maschietti). Potrete parcheggiare la vostra auto sul Lungomare Dante Alighieri. Sempre sul Lungomare Dante Alighieri potrete anche decidere di concedervi qualche ora sulla spiaggia.

Quando partire per la tappa successiva

Vi consigliamo di partire per la meta successiva verso le ore 18.00. Da Trapani a Realmonte sono 150 chilometri. Potete farveli tutti di un fiato o fermarvi a dormire in una tappa intermedia (ad esempio : Sciacca), per poi ripartire alla volta della meta successiva la mattina presto del giorno 2.

Giorno 2 : Realmonte e la Scala dei Turchi

Vi consigliamo di arrivare a Realmonte non più tardi delle 10, specie se viaggiate in piena estate. Molte persone parcheggiano in prossimità di una scala – molto ripida – che arriva direttamente alla Scala dei Turchi. Noi ve lo sconsigliamo, è preferibile lasciare la macchina un po’ più giù, dalle parti di Majata Beach nella Contrada Punta Grande e camminare – si un pi’ di più – ma tutto in piano. Così facendo, oltre ad un sentiero meno faticoso, potrete gustarvi la sorpresa di vedere comparire la Scala dei Turchi un po’ alla volta.

Sicilia in 7 giorni
L’orizzonte visto dalla Scala dei Turchi

La Scala dei Turchi

La Scala dei Turchi ti lascia senza fiato. Un paesaggio quasi lunare, bianchissimo, fatto di roccia calcarea ed argillosa, davanti ad un mare semplicemente perfetto. Non mi stupisce la candidatura a sito della Unesco. Si tratta davvero di un luogo magico. Fate attenzione però, non ci sono protezioni e molti punti della Scala sono davvero a strapiombo sul mare. Tutti i visitatori sembrano non curarsene, forse affascinati da questa bellezza così particolare. Godetevi una giornata di mare in questi luoghi, ne vale davvero la pena. Vi chiederete : perchè si chiama Scala dei Turchi ? Il motivo è che in questi mari, circa seicento anni fa, imperversavano pirati di origine araba che utilizzavano proprio questo punto come passaggio per la terra ferma. Per assonanza, tutti i pirati di origine araba venivano chiamati genericamente Turchi. Da qui il nome Scala dei Turchi (così come l’espressione di paura che si usa ancora oggi ‘Mamma li turchi!’).

Sicilia in 7 giorni
La Scala in tutta la sua altezza ed estensione

Quando partire per la tappa successiva

Vi consigliamo di godervi l’intera giornata di mare qui alla Scala dei Turchi e dormire in zona.

Giorno 3 : La Valle dei Templi

Sicilia in 7 giorni
Lo splendore della Valle dei Templi di sera

Eletto a Panorama del 2017, la Valle dei Templi è un altro luogo a dir poco indimenticabile. Le vestigia di una cultura lontana, quella della Magna Grecia, si sono preservate quasi intatte in questo enorme sito Unesco, che merita assolutamente una visita. Vi suggeriamo di arrivare presto la mattina per una visita nelle ore più fresche. Ove fosse possibile la visita serale (solo in alcune settimane dell’anno il servizio è disponibile), potreste decidere di anticipare la visita alla sera del Giorno 2.

Quando partire per la tappa successiva

Una volta terminata la visita alla Valle dei Templi vi consigliamo di partire alla volta di Marzamemi, nella Sicilia orientale. Vi attendono 200 chilometri alla guida. Se non amate troppo guidare il nostro suggerimento è di suddividerli in due tappe, inserendo una pausa intermedia a Gela o Comiso. Potrete decidere se soffermarvi in queste destinazioni intermedie per qualche ora o se ripartire direttamente la mattina presto del giorno 4

Giorno 4 : Marzamemi

Sicilia in 7 giorni
Panoramica della Riserva di Vendicari.

Marzamemi, La Riserva di Vendicari e Pachino .

Vi consigliamo di godervi la mattina in spiaggia ed arrivare nel borgo marinaro di Marzamemi nel pomeriggio. i colori del tramonto qui sono davvero splendidi. Gioiello della sicilia Orientale, abbiamo parlato ampiamente di Marzamemi nella nostra guida dettagliata che potrete trovare cliccando qui.

Quando partire per la tappa successiva

Questa giornata e la seguente sono abbastanza ‘stanziali’ , ci muoviamo tra località vicine e l’uso della macchina è davvero minimo. Ci è sembrato utile comunque poter avere qualche giorno senza stare troppo alla guida.

Giorno 5 : Portopalo di Capopassero

L’Isola delle Correnti e la punta sud

L’Isola delle Correnti è considerato il punto più a sud dell’Europa continentale. Oltre a questa particolare caratteristica (sulla quale comunque non sono tutti d’accordo), noterete un fenomeno davvero curioso. Il mare a sinistra dell’isola è sempre calmo, quello alla sua destra è sempre mosso. In questo punto esatto, Mar di Sicilia e Mar Ionio si incontrano. Un tuffo in acqua e la visita dell’isolotto sono assolutamente consigliate.

Le case dei pescatori, lo scoglio maltese ed il paese.

Sicilia in 7 giorni
Portopalo di Capo Passero : il mare più bello in assoluto

Durante il nostro tour della Sicilia in 7 giorni, il mare perfetto lo abbiamo trovato qui, allo Scoglio Maltese. Intendiamoci , il mare in Sicilia è splendido pressochè ovunque. Qui però abbiamo trovato un’acqua come poche volte ci è capitato di vederla in vita nostra. Li chiamano I Caraibi Italiani. E non sbagliano.

Quando partire per la tappa successiva

Vi consigliamo di partire nel pomeriggio verso le 17.30 per arrivare a Siracusa con poco più di un’ora di guida. L’ideale per rilassarsi in Hotel e una prima esplorazione serale delle mete del giorno succesivo.

Giorno 6 : Ortigia

Sicilia in 7 giorni
Il mare visto dal versante Nord di Ortigia

Se Siracusa è un gioiello, Ortigia è la pietra preziosa che lo adorna. L’isola è un luogo davvero splendido e ricco di tradizione che vi conquisterà senza dubbio. Fate attenzione soltanto agli orari dell’accesso ZTL, dal momento che vi muovete in macchina. Ci sono diverse aree parcheggio lungo il perimetro di Ortigia. Vi consigliamo di parcheggiare in una di queste.

Antico Mercato di Ortigia

Un tripudio di suoni, grida e profumi in questa via che troverete in Via Emanuele de Benedectis ad Ortigia. Potrete assistere al taglio del tonno, potrete gustare frutta freschissima, comprare spezie e qualsiasi altra cosa proveniente da questa terra. Il vero spettacolo è il folklore, l’elettricità che si avverte in questa grande piece teatrale a cielo aperto, dove veri e propri personaggi mettono in scena – senza saperlo – uno spettacolo davvero unico.

Il Duomo di Ortigia

Sicilia in 7 giorni
Il maestoso Duomo di Ortigia (Siracusa)

La migliore rappresentazione dell’incontro tra due culture differenti, la Magna Grecia ed il Cattolicesimo ; il Duomo di Ortigia infatti sorge sulle rovine di un vecchio tempio dedicato ad Atena, a tal punto che le colonne utilizzate sono le stesse.

La nostra video diretta da Ortigia


Quando partire per la tappa successiva

Il nostro suggerimento è di dormire a Siracusa e  partire la mattina presto del giorno successivo per l’ultima tappa del nostro tour della Sicilia in 7 giorni.

Giorno 7 : Taormina e partenza

Se l’orario del vostro volo di ritorno lo consente, potrete regalarvi una passeggiata a Taormina. Arrampicatevi lungo le strade (tra le più pendenti d’Italia) per raggiungere uno dei salotti più celebri al mondo.

La nostra video passeggiata di Taormina

Corso Umberto e le zone limitrofe

Lo splendido Corso Umberto è una passeggiata che va fatta almeno una volta nella vita, anche se ogni anno che passa diventa sempre più turistico. Dopo questa esperienza, spingetevi nelle piccole vie limitrofe. E’ lì che troverete la vera Taormina, quella dei suoi abitanti, di case antiche ed antiche botteghe dove poter assaggiare ancora sapori autentici. Un luogo davvero magico, che vi metterà voglia di tornare. Qui è finito il nostro viaggio e qui siamo convinti che inizierà il prossimo, alla scoperta del versante Nord di questa magnifica isola chiamata Sicilia.

About the author

1 Comment

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *