fbpx
Correre a Roma

Correre a Roma ? La corsa è uno degli sport più belli e semplici che esistano. E’ adatto praticamente a tutti (basta regolare l’andatura) e soprattutto non richiede particolari attrezzature : soltanto l’abbigliamento giusto ed un po’ di tempo libero. Personalmente amo molto correre ; quello che cerco di fare però ogni volta che corro è scegliere il posto giusto.

I posti giusti per me sono quelli senza smog e dove l’ambiente circostante è bello. Niente mi emoziona di più che correre in un luogo affascinante, guardarmi intorno e vedere i posti letteralmente scorrermi a fianco come la pellicola di un film. Questo è molto facile quando si viaggia (probabilmente ricorderete il mio articolo dedicato al running ambientato nella splendida cornice del lago di Braies), ma cosa fare quando si sta in città ?

Ho deciso di selezionare alcuni posti a Roma, la mia città appunto, dove vale davvero la pena allenarsi e dove mi sto effettivamente allenando in questi giorni, in vista della RunDay di Decathlon del prossimo 1 Ottobre a Roma . Partiremo dalle classiche Ville (che offrono spesso delle strutture inaspettate), fino a veri e propri sentieri urbani, per un totale di cinque percorsi differenti. Vediamoli assieme.

1. Correre a Roma : Villa Pamphili

Situata a cavallo tra i quartieri Aurelio e Monteverde, questa grandissima Villa (credo la più grande di Roma) un tempo dimora di una delle più potenti e ricche famiglie patrizie romane, oggi – aperta al pubblico – offre diversi percorsi per il running. Io ne ho individuati addirittura tre differenti. 

Panoramico Est della Villa (3,5 Km)

Questo sentiero è particolarmente interessante perchè permette di vedere tutte le bellezze architettoniche del parco, a partire da Villa Pamphili ed i suoi giardini fino alle Fontane nei pressi del Laghetto. Si parte da Largo 3 Giugno 1849, una volta arrivati a Viale del Maglio si prosegue dritti girando intorno alla Villa in direzione di Viale Monumento ai Caduti Francesi. Si prosegue su Viale VII Marzo, girando intorno al Laghetto, si raggiunge Viale del Casino Algardi e girando a destra ci si ricollega a Viale del Maglio. Il tutto percorrendo complessivamente 3,5 chilometri su diverse pendenze. Proprio per questo motivo il mio consiglio è di non spingere troppo all’inizio per non ritrovarsi senza fiato dopo.

Complessivo Lato Est (5,1 Km)

La versione estesa del sentiero precedente, la particolarità di questo sentiero è che passa anche per  Via Vittoria Nenni, una delle strade interne al parco dove sono presenti diverse attrezzature per attività fisica, stretching, docce e persino un Bar/Ristorante dove eventualmente fare una pausa, a seconda del livello di allenamento raggiunto. Mentre la prima parte presenta dei dislivelli, la parte ‘centrale’ del percorso è completamente pianeggiante. Attenzione però : le salite ritornano verso la fine.

‘Selvaggio’ Lato Ovest (4,0 Km)

Il versante Ovest della Villa non ha monumenti o punti di riferimento particolari ; è la parte del parco più ‘selvaggia’, fatta di alberi e sentieri a pendenza variabile (spesso piuttosto impegnativa). Un sentiero da fare con le cuffiette e respirando a pieni polmoni. Mi sono mantenuto volontariamente ‘lontano’ dal tratto di strada di Via Leone XIII in considerazione del suo traffico, per garantirmi (e garantirvi) un allenamento libero il più possibile da smog ed inquinamento acustico.

2. Correre a Roma : Villa Borghese

Considerata probabilmente la Villa più importante di Roma questa Villa , è un ottimo posto per correre praticamente indisturbati, purchè si vada nella parte lontana dal Centro Storico. In questa zona, molto meno trafficata, potremo correre e godere di scorci di grande bellezza, come quello offerto dal Tempietto di Esculapio che sorge al centro del lago.

Il nostro itinerario parte da Piazzale Ferdowsi, proprio difronte alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna.

Potremo correre ammirando il Laghetto con il suo Tempio di Esculapio , il Tempietto di Diana, la Fontana dei Cavalli Marini, ci spingeremo fino alla splendida Galleria Borghese per poi tornare indietro passando per l’Edificio della Meridiana, un altro piccolo capolavoro architettonico. Il sentiero complessivo è di 2,5 Km. Se lo desiderate potrete però allungare il percorso  spingendovi di più nelle vie interne, per scoprire le piccole meraviglie che hanno da offrire. Anche qui vi segnalo la presenza di un bar, proprio in prossimità del Lago.

3. Correre a Roma : Trastevere e l’Acqua Paola

Dopo aver girato molto per i parchi di Roma mi sono chiesto se sarebbe stato possibile trovare dei sentieri urbani, lontani dai parchi, dove poter correre senza soffocare per il traffico e lo smog. La risposta è ovviamente si, la bravura sta nello scegliere gli orari giusti per muoversi e le zone dove il traffico è poco o interdetto. Se a questo vogliamo aggiungere anche dei posti belli da vedere – anzi, direi splendidi – l’itinerario che vi indico qui è sicuramente impegnativo ma davvero imperdibile.

Gli orari migliori per corre senza problemi in questo percorso sono : durante la settimana la mattina verso le 11.00 o il pomeriggio verso le 17.00. Nel weekend sia il Sabato che la Domenica presto dalle 7.00 fino alle 9.30

Partiremo da Piazza Trilussa, confine del quartiere Trastevere. Attraversando le storiche Vicolo del Cinque e Via della Scala ci spingeremo su Via Garibaldi. La pendenza di Via Garibaldi è soltanto un ‘riscaldamento, perchè arrampicarci su Via di Porta San Pancrazio sarà davvero impegnativo (ottimo per fare affondi ed un po’ di squat). Arrivati in cima saremo però ricompensati da due premi incredibili, uno più bello dell’altro : la vista su Roma e la Fontana dell’Acqua Paola, due meraviglie davvero imperdibili. A questo punto riscenderemo, passando per la Reale Accademia di Spagna, con la sua Chiesa di San Pietro in Montorio ed il famosissimo Tempietto del Bramante.

Continuando a scendere attraverseremo nuovamente i vicoli di Trastevere : Via Luigi Masi, Via della Paglia, Vicolo del Piede e Via della Pelliccia. Strade dove ogni sasso parla e ti racconta la storia di questa città, scritta da Trasteverini – quelli veri – che oggi sono davvero merce rarissima. Fate attenzione a dove mettete i piedi, perchè qui la pavimentazione è antica come il quartiere, se non di più. Meglio andare più piano, ma arrivare senza storte.  Completeremo arrivando a Viale del Politeama, a pochi metri dal nostro punto di partenza.

Questi sono i primi cinque percorsi urbani per correre a Roma. Spero possano esservi utili come lo sono per me. Se avete qualche domanda o curiosità come sempre siamo a vostra disposizione. Buon allenamento tra le meraviglie di Roma !