Le spiagge dove vorrei andare nel 2020

| |

Come tutti gli anni, nel mese di Aprile scrivo sempre un post con i miei desiderata per la stagione estiva. Non sappiamo cosa ci riserverà il 2020, ma di certo nulla ci impedisce di sognare e quantomeno pianificare i prossimi spostamenti.

Piccola premessa : io sono una di quelle persone che ama il mare quando non fa troppo caldo. I miei mesi preferiti sono Giugno e Settembre. Se il primo può sembrare un traguardo troppo vicino e quindi irrealizzabile, credo che partire per il mare a Settembre sia uno scenario assolutamente verosimile. Quindi non mi resta che raccontarvi le spiagge dove voglio andare (o ritornare). Tutte in Italia, ovviamente.

1. Cala Violina, Scarlino, Toscana

Ho un appuntamento in sospeso con questa spiaggia da molto tempo. Me ne parlava mia madre, quando ero piccolo. E mi raccontava che quando ci camminava sopra, davvero sembrava di sentir suonare dei violini. Tutto merito del quarzo che si trova nella sabbia. Un posto veramente splendido, tra l’altro inserito nella lista delle cinquanta spiagge più belle d’Italia in quest’articolo del Magazine di Expedia. Si trova vicino alla città natale di mia madre – Follonica – più precisamente nella riserva naturale di Scarlino. Un piccolo paradiso, dicono. Per me una tappa legata a qualcosa di più profondo e personale. Non sono mai riuscito ad andarci assieme a lei, ma un giorno mi piacerebbe riuscire a portarci mia figlia.

2. Spiaggia dei Francesi, Scario, Campania

Se il Cilento è un gioiello, Scario è sicuramente una delle sue pietre più splendenti. La Spiaggia dei Francesi è una delle tante che offre la località, tutte rigorosamente raggiungibili solo via mare. Un posto da sogno, sufficientemente isolato per farci godere appieno la bellezza della natura, senza dover rinunciare troppo al contatto umano grazie alla popolarità sempre più crescente di questo luogo. Spingendosi poi verso l’entroterra subito sotto le cime altissime del Cilento troviamo una antica taverna (ignoro come siano riusciti a costruirla) dove poter sorseggiare un aperitivo o un piatto caldo della tradizione Cilentina. Imperdibile.

3. Spiaggia di Numana, Monte Conero, Marche

Altra spiaggia incredibile, raggiungibile solo via mare, sulla costa Marchigiana. Da sempre il Mare Adriatico – specie nel suo versante nord – viene considerato un posto interessante più per la movida che per la bellezza delle sue acque. Questo può essere vero in alcune zone, ma non certo qui a Numana. Quando ero piccolo venivo su queste spiagge con la mia famiglia per un picnic sulla spiaggia ed un tuffo in acqua. Ricordo ancora il sapore dell’acqua salata, trasparentissima, che quasi sembrava si potesse bere. Un luogo da sogno.

4. Cala Rossa, Favignana, Sicilia

Una delle spiagge che più mi è rimasta nel cuore dopo uno degli ultimi tour di Italia Nascosta. Eravamo a Favignana, in Sicilia, perla delle Egadi. Il turchese perfetto di questo mare non mi è più capitato di vederlo altrove. La sensazione è quella di essere all’interno di una foto ritoccata con Photoshop. E’ incredibile pensare che un luogo tanto bello sia legato ad un evento tanto cruento. Il nome infatti richiama un’antica battaglia dell’epoca dei Romani, dove il sangue sparso dei nemici fu talmente tanto che per giorni l’acqua della spiaggia rimase rossa. Tempi lontani, lontanissimi (per fortuna).

5. Una piccola spiaggia senza nome, Monte Circeo, Lazio

Non lontano da Roma il Circeo rappresenta una vera e propria oasi per chi cerchi delle spiagge poco affollate se non addirittura sconosciute. Il trucco consiste proprio nel salire sul monte e scendere verso il mare. Qui, approfittando di accessi alla spiaggia spesso nemmeno indicati sulle cartine, si possono trovare delle calette deliziose, fatte di acqua trasparentissima e dove persino i pesci si avvicinano senza timore alla riva. La mia preferita si trova a circa duecento metri prima delle indicazioni per la Grotta delle Capre. C’è un segnale ormai cancellato di divieto di accesso che conduce ad una scaletta. Al termine bisogna proseguire – con molta attenzione – su degli scogli – che degradano poco alla volta su questa meravigliosa insenatura, dove rilassarsi e godere del mare è un vero ed autentico piacere. Il tutto mentre pochi chilometri più a sud iniziano le sterminate spiagge di Terracina e pochi chilometri più a nord terminano quelle di Sabaudia.

Previous

Ponza: la guida completa